Diventa nostro amico
Facebook
Scrivici
Scrivici
Cerca nel sito
Cerca
Iscrizione
Iscrizione
IL CAVALIERE GIALLO
il cavaliere giallo > Notizie > Giorgio Upiglio diventa un Cavaliere Giallo

Giorgio Upiglio diventa un Cavaliere Giallo

Trasformare l’arte in arte: è questo il filo conduttore della vita di Girogio Upiglio, il celebre stampatore amico di artisti come Lucio Fontana, Enrico Bay e Albeto Giacometti, che ieri sera è stato ospite de Il Cavaliere Giallo per la serata del collezionista 2011 ed è diventato ufficialmente socio onorario.

Un personaggio unico che con intelligenza, e molta ironia, ha conquistato tutti  nel corso dell’evento a lui dedicato: “Ho vissuto a lungo a Parigi vivendo a stretto contatto- ha dichiarato nell’intervista rilasciata in sala a Ferdi Baleri -  con molti artisti, tra noi c’erano rapporti di lavoro ma con altri di vera amicizia. In italia è stato speciale il rapporto con Lucio Fontana, con il quale ho avuto un’intensa collaborazione, ma nonostante i molti anni trascorsi non posso scordare soprattutto il legame con Alberto Giacometti”. Tra la sorpresa generale Upiglio ci ha raccontato un particolare inedito della vita dell’artista, celebre per le sue opere essenziali e longilinee : “Lavoravamo, lavoravamo molto ma la sera ci piaceva andare in un locale milanese chiato Hawaii dove si ballava e si poteva avere la dolce compagnia di ….alcune bellissime entreneuse!”

Il carattere forte di Upiglio si è poi acceso nella descrizione della tecnica artistica che lo ha reso celebre, delle motivazioni che lo hanno portato a dedicare la vita all’incisione : “E’ una forma d’arte che mi ha permesso di immergermi completamente nell’arte stessa con precisione e dedizione. In tutto il mondo l’incisione è amata ed ambita dai collezionisti, ma in Italia non è così, servirebbero maggiore conoscenza delle difficoltà tecniche e delle infinite possibilità che concede ad un artista”.

Nella cornice de il Vecchio Tagliere di Zanica dall’arte del carismatico Giorgio Upiglio, da ieri nostro socio onorario,  si è passati alle infinite sfumature delle parole de Le Città Invisibili di Italo Calvino proposte dall’attore Enzo Guerini intrecciate in una riuscita performance alle musiche di Luca de Tommasi : “Il nostro obiettivo – ha precisato il Presidente Dario Guerini -  è quello di riuscire a fare dialogare quante più forme artistiche possibili, di mettere in contatto i giovani con i grandi nomi dell’arte e con il pubblico. Questa edizione della Serata del Collezionista ci consentirà di ricordare due momenti che davvero ci hanno visto Amici delle Arti”. 


Pubblicata sabato 26 marzo 2011